Sondaggi

Il forum di Vicovaro2000.it

Non deve essere riattivato - 14.3%
Deve essere riattivato - 59.5%
Deve essere riattivato con modalità di accesso diverse - 26.2%

Total votes: 168
The voting for this poll has ended on: 30 Nov 2014 - 00:00

Community

Seguici su Facebook

Tempietto di San Giacomo a Vicovaro

Il tempietto di San Giacomo

Indice
Il tempietto di San Giacomo
Tempietto di San Giacomo a Vicovaro - 2
Tempietto San Giacomo Vicovaro - 3
Tutte le pagine

La Cappella di S. Giacomo, nota anche come Tempietto di San Giacomo (in dialetto San Gnaco) , la più bella testimonianza del passato splendore di Vicovaro è considerata, non a torto, uno dei più significativi esempi architettonici e scultorei del periodo di transizione (sec. XV) che questa zona presenti.

Vicovaro Te...

L'edificio, voluto da Giovanni Antonio Orsini (+1456) Signore di Vicovaro e Conte di Tagliacozzo per farne un sacello destinato a ricevere le tombe della "Ursina progenies", venne dedicato ad un Santo, Giacomo, di cui da generazioni gli Orsini di questo "ramo" portarono il nome.

Venne costruito proprio qui, a Vicovaro, uno dei luoghi più importanti dei feudi orsiniani: la sua posizione al limite tra lo Stato della Chiesa ed il Regno di Napoli, cui si saldava attraverso il passaggio di Tagliacozzo, ne faceva uno dei più prestigiosi e potenti luoghi lungo la Via Valeria.

L'ottagonale Cappella è posta di fronte alla chiesa di S. Pietro: un ricchissimo portale occupa il lato prospiciente la piazza dandogli un effetto di sontuosità ed eleganza.
La parte inferiore, opera di Domenico da Capodistria morto a Vicovaro verso il 1456, in un tardo gotico di sapore settentrionale, è composta da ventiquattro nicchiette, incorniciate da frontoni, pinnacoli, ghimberghe e colonnine, racchiudenti altrettante statuette di sante e santi a tutto tondo.

Invece la parte superiore, realizzata da Giovanni da Traù, il Dalmata, e dalle sue maestranze, - iniziata dopo il 1464 per volere di Giovanni Orsini, Arcivescovo di Trani, Abate di Farfa ed erede di Giovanni Antonio - è formata da un mirabile insieme, più scultoreo che architettonico, tipicamente rinascimentale: finte nicchie con bassorilievi dei Padri della Chiesa e degli Evangelisti; due tondi con l'arcangelo Gabriele e l'Annunziata ed una lunetta, incastonata in uno stupendo archivolto di Angeli, ospitante la Vergine ed il Bambino con ai lati i SS. Pietro e Paolo che presentano Napoleone e Roberto Orsini, fratelli dell'Arcivescovo Giovanni e Titolari della contea marsicana. Concludono il ricco prospetto della facciata: un timpano, con nel frontone due putti alati che sorreggono faticosamente l'emblema Orsini, e tre statue poste come acroteri.

Vicovaro Te...

Un leggero marcapiano, a poco più di un terzo dell'altezza, gira attorno alle facce marmoree dell'edificio avvolgendo le tre bifore a sesto acuto ed i pilastri, posti agli spigoli dell'ottagono, sostenti la trabeazione terminale e otto statue di Apostoli, sempre del Dalmata.

Completa il tutto, un attico intonacato racchiudente l'invaso della cupola a gradoni con nell'apice, controventato come una polena di una prua immaginaria, un Arcangelo Michele che brandisce la spada.



 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Foto Vicovaro2000

Video

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookies e per sapere come bloccarli, vedi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information